Birra, se provi spendi (tanto)

27 dicembre 2013
[Angelo Peretti]
Delle due l'una: o sono fessi pressoché tutti i produttori di vino, o sono furbi - fin troppo - alcuni produttori di birra. Tertium non datur, stando a quel che vedo qui e là in giro per l'Italia quando si tratta di banchi d'assaggio e manifestazioni fieristiche. Sì, perché i vignaioli sono lì coi loro vini e te li fanno assaggiare gratuitamente, versandotene una piccola quantità, ma sufficiente, e hai a disposizione un gettavino per potervi versare l'eccesso del vino assaggiato. I birrai, invece, molte volte ti spillano un bicchiere colmo (quasi sempre di plastica) e te lo fanno pagare (al prezzo del bar) e non c'è verso di avere un qualunque contenitore per versarvi la birra in più.
D'accordo, non si può generalizzare, ma il contrasto l'ho toccato con mano "in presa diretta" a un recente meeting gastronomico milanese: una sala dedicata al vino, una dedicata alla birra, nella prima assaggiavi - gratis - e sputavi nel gettavino, nella seconda bevevi - a pagamento, in media 3 euro a bicchiere piccolo - e se per caso avevi birra di troppo nel bicchiere dovevi fiondarti in bagno per liberartene.
Così non va. Perché mettiamo che io mi voglia fare una cultura estesa del vino o della birra. A un tasting vinicolo posso assaggiare trenta, quaranta, cinquanta vini e uscirne sano e salvo. A un banco di birra dovrei ingollarmi litri di liquido fermentato, e sarei morto, e sarebbe svuotato anche il mio portafoglio.

2 commenti:

  • Questo commento è stato eliminato dall'autore.
    Nic Marsèl says:
    27 dicembre 2013 15:35

    Questo commento è stato eliminato dall'autore.

  • Nic Marsèl says:
    27 dicembre 2013 15:37

    Di solito alle degustazioni brassicole si paga l'ingresso e poi i relativi gettoni da 1 euro (validi per 10 cl di birra ognuno) da consumarsi come si preferisce. Dal punto di vista economico col vino non c'è mai partita. Più in generale, tasse o non tasse, il prezzo delle birre italiane cosiddette artigianali è ancora un inesplicabile tabù.

Posta un commento